Abitare MAGAZINE

Coabitazione solidale: una casa molto speciale

Lilli Bacci
scritto da Lilli Bacci

Questa è il racconto di una coabitazione solidale in una casa siciliana con una storia bellissima. La abita Lucrezia  con suo figlio Davide – da quando è arrivata dalla Spagna dove ha studiato – e con un caro amico che vive al piano di sopra (comunque collegato alla casa), con la figlia. La cosa molto speciale di questa casa magnifica del ‘700, che si trova in una delle piazze più belle vicine al mare della città di Palermo, è che abbia nel suo dna la condivisione dello spazio con altre persone non vincolate da patti o legami familiari.

Già negli anni ’40 infatti la nonna di Lucrezia divise il grande appartamento con due amiche: una piccola comunità di donne che si sono sostenute a vicenda per oltre quarant’anni. In più la nonna, oltre ad essere una vera “imprenditrice” in quanto direttrice di un laboratorio di ricamo prestigioso, aveva adottato la mamma di Lucrezia, figlia di una sorella morta di parto. La casa rappresentava la possibilità di realizzare questa piccola utopia.

Insomma una vera antesignana la nonna di Lucrezia, un esempio importante di coabitazione solidale in cui Lucrezia crede da sempre e che continua. Desidera che la casa non dimentichi mai la sua attitudine, che Lucrezia chiama il suo destino: continuare ad accogliere e mantenere il calore e lo spirito di condivisione.

 

 

 

 

 

 

 

 

autore

Lilli Bacci

Lilli Bacci

Lilli Bacci dopo un passato come socioeducatrice, mi sono laureata in Antropologia Sociale con una ricerca sugli spazi abitati, che sono da sempre centro del mio lavoro e del mio interesse. Libera professionista, lavoro da anni come art director e stylist per servizi fotografici, stand, negozi e allestisco mostre ed eventi, portando attenzione e uno sguardo antropologico sull’interno del mondo della “casa”. Collaboro come giornalista freelance con alcune riviste di arredamento e lifestyle. Per il sito Smallfamilies® scrivo intorno all’abitare nelle famiglie a geometria variabile.

lascia un commento