Buone e Cattive pratiche Diritti e Doveri

Orfani di crimini domestici. Legge bloccata in Senato

Gisella Bassanini

Gli orfani di mamme uccise tra il 2000 e il 2015 n Italia,  secondo uno studio recente, sono circa 1.600 tra bambini/bambine e gli/le adolescenti. In molti casi per  loro non c’è più neanche il papà, in carcere o morto suicida, e si trovano pertanto costretti ad andare a  vivere con i nonni e gli zii, quando ci sono, oppure ad essere affidati a un’altra famiglia o ad entrare  in una comunità. Sono numeri importanti e preoccupanti.

Nella  direzione di un riconoscimento dei diritti fondamentali di questi minori  si inserisce il ​disegno di legge a tutela ​degli orfani di crimini domestici, approvato all’unanimità​ dalla​ Camera dei deputati e che al  Senato ha subito recentemente un brusco arresto.

Il  provvedimento, che dovrebbe trasformare in legge le norme a favore degli orfani delle vittime di femminicidio e violenza domestica, prevede una serie di misure: il gratuito patrocinio per gli orfani; l​a facoltà per il giudice di liquidare una parte del risarcimento in sede penale a titolo di provvisionale; la sospensione della capacità del presunto colpevole a succedere alla vittima; il sequestro conservativo sui beni dello stesso; la sospensione dall’erogazione della pensione di reversibilità in favore del presunto colpevole e la sua devoluzione in favore degli orfani; l’assistenza di carattere psicologico per tutto il tempo necessario. ​

Qualcuno ha scritto che sono orfani tre volte: della vittima (quasi sempre la mamma), dell’assassino (suicida o in galera) e dello Stato che li abbandona a un destino gramo. Ci voleva una legge. Ma questa ora è sepolta sotto gli alti steccati dell’ideologia, sempre più lontani  dal mondo reale.

Su tema ci piace citare  il Caffè di Gramellini del 17 luglio 2016

un articolo di Andrea Catizone del 10 luglio 2017

 

 

autore

Gisella Bassanini

Gisella Bassanini

Presidente Smallfamilies®, architetta e ricercatrice, ho una figlia. Coordinatrice del progetto Smallfamilies®, seguo le aree: relazioni esterne, ricerca, policy e progettazione servizi. Per il sito scrivo su questi temi e per la sezione “Abitare”. Con Flavio Pellegrinuzzi mi occupo anche dei sondaggi online.

lascia un commento