Costume e Società MAGAZINE

Una legge contro il cyberbullismo

Gisella Bassanini

Dal 18 giugno 2017 è in vigore la nuova legge sul cyberbullismo (legge 29 maggio 2017, n. 71, Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo).

Diverse le novità previste, tra queste: la possibilità di richiedere al Garante per la protezione dei dati personali la rimozione dei contenuti entro 48 ore e la pubblicazione di linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo nelle scuole, anche avvalendosi della collaborazione della Polizia postale.

Per quanto riguarda la possibilità di chiedere l’oscuramento, la rimozione o il blocco dei contenuti che siano stati diffusi in rete (foto e video imbarazzanti o offensivi, post sui social network in cui si è minacciati, offesi, insultati…) l’istanza può essere inviata direttamente dal minore, se questo ha più di 14 anni, oppure da un genitore o da chi esercita la potestà genitoriale. Se entro 24 ore il gestore non avrà provveduto alla rimozione dei contenuti, l’interessato può rivolgere analoga richiesta al Garante per la protezione dei dati personali, che rimuoverà i contenuti entro 48 ore. Da pochi giorni il Garante ha pubblicato il modulo per fare richiesta di eliminazione dei contenuti, che dopo essere stato compilato va inviato a cyberbullismo@gpdp.it.

Secondo quando già previsto dalla legge 107 (la Buona Scuola) nel triennio 2017-2019 ci sarà inoltre una formazione del personale scolastico per prevenire e contrastare questo fenomeno nelle scuole, con un ruolo attivo per studenti ed ex studenti in attività di peer education.

Qualora si verificassero atti di cyberbullismo, il dirigente scolastico deve informare tempestivamente i genitori dei minori coinvolti: i regolamenti scolastici dovranno prevedere esplicite sanzioni disciplinari, commisurate alla gravità degli atti compiuti. I servizi territoriali, con l’ausilio delle associazioni, promuovono progetti personalizzati per sostenere le vittime di cyberbullismo e per rieducare, anche attraverso l’esercizio di attività riparatorie o di utilità sociale, i minori autori di cyberbullismo. Per i minori autori di questi atti, se non c’è querela o denuncia, scatta l’ammonimento: il questore convoca il minore insieme ad almeno un genitore.

Per saperne di più: Garante della privacy

 

Fatta la legge resta sempre una cultura da cambiare, come suggerisce questo video molto intelligente che si rivilge ai ragazzi con il linguaggio giusto per loro.

 

 


Immagine di apertura tratta dal sito Money.it

autore

Gisella Bassanini

Gisella Bassanini

Presidente Smallfamilies®, architetta e ricercatrice, ho una figlia. Coordinatrice del progetto Smallfamilies®, seguo le aree: relazioni esterne, ricerca, policy e progettazione servizi. Per il sito scrivo su questi temi e per la sezione “Abitare”. Con Flavio Pellegrinuzzi mi occupo anche dei sondaggi online.

lascia un commento