STORIE

Anna

Sf storie
scritto da Sf storie

Ho 55 anni e due figli universitari di 24 e 22 anni. Sono da sempre sola a crescerli, da un punto di vista educazionale, anche quando ero sposata. Mi sono separata nel 2000, dopo un percorso di mediazione familiare lungo due, faticosissimi e dolorosissimi, anni.

Mi ha aiutato per la gestione pratica dei figli mia madre, unico parente che abbiamo, ma sempre caricandomi della responsabilità di aver causato tutto ciò che non solo stava accadendo a me, ma che era accaduto a lei…

Dal 2006 sono vedova, con enormi traversie, sia economiche che psicologiche. Ora ho raggiunto una certa stabilità, ma con tanta fatica e con tantissime paure e cose irrisolte che stipo in fondo all’anima.

Sono fortunata perché ho un lavoro ed economicamente sono sufficiente a mantenere i miei figli all’università e riesco a gestire mia madre ormai invalida al 100%, che ha una pensione minima.

Ho chiesto il part time al 75% per avere la possibilità di assistenza a mia madre al pomeriggio, dato che una badante a tempo pieno non riuscivo a permettermela, e dal 2009 mi è stato concesso, ma da questo novembre la nostra azienda ospedaliera ha fatto una riorganizzazione del servizio facendoci diventare turnisti e modificando unilateralmente anche i contratti part time e organizzando il servizio mensilmente.

Ironia della sorte i mesi lavorativi, per la mia l’azienda, partono dal giorno 15 e non dall’1, per cui io alterno un mese in cui lavoro al mattino e un mese in cui lavoro il pomeriggio.

Non riuscendo più a gestire nulla!!!!

Siamo in mano ad un avvocato… Speriamo nel lento corso dei giudici del lavoro e nella loro “giustizia”.

Comunque sono fortunatissima perché ho un’amica del cuore, come si diceva da piccole, che mi è sempre stata vicina e mi ha aiutato in tutti i sensi.

Però… le paure per il futuro, soprattutto per i miei figli, il tempo per me che non è mai esistito perché utilizzato x organizzare, risolvere problemi anche solo di vita quotidiana…

Convivo con un enorme bagaglio di sensi di colpa che ogni tanto mi schiaccia un po’, anche se la mia amica sostiene che è colpa del mio delirio di onnipotenza. Allora ho tentato di sedarlo confrontandomi, in diversi momenti, con due psicologhe, una troppo onerosa economicamente – e che non ho più potuto sostenere – e l’altra che stava muta per tutta la seduta… – ovvero, per avere uno spazio ”sfogatoio” potevo farlo con meno fatica davanti allo specchio di casa! –

Avrei avuto, e spesso questa necessità la sento ancora, bisogno di un confronto con altre realtà simili alla mia per provare quel senso di condivisione e il confronto con estranee che è utile perché il distacco emotivo nel confronto alle volte ti fa dire o esprimere cose che con chi ti è emotivamente molto vicino non riesci ad esprimere totalmente, per innumerevoli motivi.

Vi ringrazio per avermi dato questo spazio e per aver avuto il coraggio e le capacità di aver costruito tutto ciò e sono contenta che oggi lavoravo al pomeriggio e sono riuscita a conoscervi attraverso radio pop.

Grazie ancora

Anna

autore

Sf storie

Sf storie

È il team che si occupa di raccogliere e pubblicare le storie scritte direttamente dai protagonisti, che non sempre desiderano svelare la loro identità. Se vuoi mandarci la tua storia scrivi a info@smallfamilies.it, allega una fotografia e una liberatoria in caso di foto di minori oppure specifica che desideri l'anonimato.

lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle novità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi