Dati e Analisi sulle famiglie in trasformazione Notizie dall'Italia e dal mondo OSSERVATORIO - dati ricerche & policy

Consumi ai massimi, risparmio impossibile: queste le spese dei milanesi

scritto da Smallfamilies

Non si risparmia più. Tra crisi, caro prezzi e problemi occupazionali le famiglie milanesi non riescono a mettere da parte nemmeno un euro: secondo una ricerca presentata lunedì 22 luglio dalla Camera di Commercio e dal comune di Milano, le famiglie del capoluogo lombardo spendono in media 3.000 euro al mese, una cifra davvero consistente e che è addirittura di 500 euro più alta rispetto al 2011, per un totale di 27 miliardi di euro all’anno.

Il costo della vita a Milano si conferma ben più alto della media nazionale: 96 euro in più rispetto al resto della regione e 543 euro in più rispetto all’Italia. Il dato nettamente al di sopra della media è quello relativo all’abitazione: quasi 1.200 euro, vale a dire il 36% della spesa totale, contro, però, poco meno di 700 euro per i cittadini di nazionalità straniera (37% della spesa totale). In generale, del resto, i cittadini milanesi spendono circa il doppio rispetto alle famiglie straniere.

Per arrivare a fine mese, dunque, si taglia soprattutto sulle spese per abbigliamento e calzature (-20,8%), poi sulla sanità (-17,2%) e infine sulla cultura (-12,3%). Quanto ai generi alimentari, è la carne è il prodotto più ridmensionato: il 27% dei milanesi ne compra meno. In crescita, invece, la spesa per pane e cereali (+33,6%) e per zucchero e caffè (+23,7%), seguiti da bevande, pesce e infine da frutta e verdura. Stupisce invece il balzo del 40,7% dei tabacchi ma anche quello del settore arredo, cresciuto del 20%. In aumento anche le spese deicate all’istruzione (+15,9%).

Se una coppia, dunque, spende 3.000 euro al mese, i consumi naturalmente salgono a mano a mano che il nucleo familiare si amplia: una famiglia di tre componenti consuma 417 euro in più, e oltre 1.000 euro in più se in casa ci sono due o più figli. Non si creda, però, che vivere da single sia più conveniente: dividere le spese destinate alla casa è l’unico modo per arrivare a fine mese e, di fatti, chi non vive con un partner (il 48% degli italiani e il 66% degli stranieri ) cerca comunque un coinquilino con cui dividere i conti. Nessun dato, purtroppo, sulle famiglie monogenitoriali.

autore

Smallfamilies

"La redazione" del gruppo Smallfamilies aps

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi