Libri Film Arte Video

La vita davanti a sé

Laura Lombardi
scritto da Laura Lombardi

Prodotto e distribuito da Netflix, è disponibile in questo periodo sulla stessa piattaforma La vita davanti a sé, film con Sophia Loren, diretto da di lei figlio Edoardo Ponti. Film che viene proposto nei titoli di testa come “basato” sul romanzo La vita davanti a sé di Romain Gary, uscito nel 1975, capolavoro assoluto intorno al quale ho lungamente scritto qualche anno fa una delle nostre “Riletture in chiave in sf”

Quel “basato” è un abuso, un tradimento. Il tradimento non sta nel fatto che il quartiere parigino di Belleville diventa nel film una Bari simil-Napoli, non sta nella trasposizione della vicenda in un tempo recente, cellulari alla mano. Il tradimento sta nel fatto che di tutto ciò che rende il libro una creazione palpitante, commovente, profonda, tenera, costruita su un’invenzione linguistica geniale, nel film non resta pressoché nulla.

Dello strepitoso romanzo il film non porta sullo schermo niente se non il titolo e i nomi dei personaggi.

Già nel 1978 era stato portato sugli schermi un film ispirato al romanzo, con protagonista Simone Signoret, e già di quel film era stato scritto che non riesce a mantenere l’incisività e la freschezza del romanzo. Così come era stato scritto che il film sta in piedi solo grazie alla bravura della protagonista.

La stessa cosa possiamo dire a proposito di questo nuovo film. Con un’aggravante.

Non basta neppure la bravura della protagonista per farlo stare in piedi. La Loren è super, magari la candideranno pure all’Oscar, Dio ce ne salvi, e non era certo necessaria questa interpretazione per ricordarcelo, ma davvero non basta. Non basta la sua bravura a dar luce, a dare profondità, calore, emozione. Il film è spento, piatto. Della splendida storia, della descrizione così avvincente di una relazione viscerale fra un bambino musulmano e una ex prostituta ebrea, surrogato di madre, obesa e malata, ci arriva una banalizzazione irritante, una narrazione prevedibile, stanca, piatta. Un film inutile, dalla regia ugualmente piatta, banale. Un film girato da un regista che probabilmente riesce a fare quel mestiere solo grazie al suo nome. Non se ne sentiva proprio il bisogno.

Viva Roman Gary, viva la vera letteratura. La vera Arte.

autore

Laura Lombardi

Laura Lombardi

Scrittrice, con un passato televisivo. Coordinatrice dell’area culturale ed eventi. Madre separata di una figlia, sono curatrice, insieme con Raethia Corsini, del progetto smALLbooks. Per il sito scrivo per la sezione “Magazine” e “Diario d’Autori”. Condivido con Giuseppe Sparnacci il progetto “Riletture in chiave smallfamily”.

Sono nata nel 1962, scrivo e ho un’unica adorata figlia nata nell’anno 2000. Con Susanna Francalanci ho scritto alcuni libri per ragazzi pubblicati dall’editore Vallardi e il giallo Titoli di coda, per Eclissi editrice. Per parecchi anni ho lavorato come autrice televisiva, soprattutto in Rai, soprattutto con la vecchia RaiTre. Prima ancora c’era stato il periodo russo, quello in cui ho frequentato Mosca, l’Unione Sovietica e la lingua russa.Il canto, la ricerca attraverso il suono e la voce, il tai chi, sono gli strumenti privilegiati con cui mi oriento. Amo camminare, soprattutto nel silenzio denso di suoni dei boschi dell’Alta Valmarecchia, dove ho la fortuna di avere una casa che saltuariamente apro per ospitare incontri, corsi e altre iniziative: Croceviapieve. Vivo il progetto Smallfamilies come parte fondamentale del mio percorso evolutivo.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi