Abitare POLICY STORIE

Madri sole e figli minori in quarantena

SF storie
scritto da SF storie

Sono Claudia,  divorziata da sette anni, e la mia è una famiglia monogenitoriale. Vivo a Roma con  mio figlio dodicenne in un bilocale, ovviamente con  un solo bagno. Il papà si è fatto un’altra vita e, sebbene abbastanza presente, però non è qui. E se ci penso bene non c’era neanche prima quando era mio marito.

Mio figlio e la sua classe (una seconda media) entrano  in quarantena e la Asl ci invia  una mail che in un passaggio così recita: “Il contatto stretto (l’alunno in questo caso) a casa dovrà essere posto in una stanza con bagno dedicato. Non può condividere con il resto della famiglia spazi comuni (es: cucina, salone) e non può consumare con i conviventi i pasti. Se l’abitazione ha solo un bagno, questo dovrà essere sanificato ad ogni utilizzo (così da proteggere gli altri). Per gli alunni minori di età posti in quarantena, un genitore dovrà rimanere in quarantena con il figlio, come previsto dalla normativa vigente, avvalendosi del DL 111 del 2020.”

Non sapevo se ridere o piangere.

Il BAGNO DEDICATO… UN GENITORE che deve rimanere con il ragazzo….e io come avrei fatto? NON CONDIVIDERE  gli spazi comuni…

La nostra piccola casa è tutta uno spazio comune, io ho dato l’unica stanza da letto a mio figlio e mi sono creata un letto-divano nella sala. È lì che si svolge tutta la nostra vita. Alcuni genitori hanno ceduto la loro camera da letto ai figli con il loro bagno privato, a questa notizia io un po’ mi sono vergognata.

Ora, nella classe sono tutti negativi e a fine quarantena ho smesso di disinfettare ogni volta che fa pipì o si lava i denti.

Lo ammetto, in questi giorni ho sognato una casa grande con due bagni e il balcone che non abbiamo. Ma, sogno era e sogno è rimasto. E  sono costretta  a constatare , una volta di più,  che  questo mondo è ancora pensato per  famiglie di una sola tipologia. Che non è la mia.

Però, la prima cosa che mi ha chiesto mio figlio una volta avuto l’esito negativo del tampone è stata “e ora ci possiamo abbracciare sul divano, mamma?”.

autore

SF storie

SF storie

È il team che si occupa di raccogliere e pubblicare le storie scritte direttamente dai protagonisti, che non sempre desiderano svelare la loro identità. Se vuoi mandarci la tua storia scrivi a associazione@smallfamilies.it, allega una fotografia e una liberatoria in caso di foto di minori oppure specifica che desideri l'anonimato.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi