Costume e Società Libri Film Arte Video MAGAZINE

Mia madre è tornata a casa e non mi ha più trovato. Figli rubati

Paola di Carlo
scritto da Paola di Carlo

Mia madre è tornata a casa e non mi ha più trovato (…) per un po’ è venuta a visitarmi in istituto. Poi, mostrandole delle carte false, l’hanno convinta che ero stato adottato” così racconta Sergio Devecchi, autore di “Infanzia rubata: la mia vita di bambino sottratto alla famiglia”, (Ed. Casagrande, 2019).

Sergio Devecchi solo recentemente, e solo una volta in pensione, ha avuto il coraggio di raccontare la sua storia di figlio illegittimo e per questo sottratto a sua madre quando aveva solo sei giorni; cresciuto in istituti in Ticino e poi a Zizers nei Grigioni ha subito maltrattamenti e abusi.

Si stenta a credere ma fino al 1981, in Svizzera, i bambini potevano essere strappati alla famiglia, privati della libertà, rinchiusi in istituti, in riformatori dove molti sono stati maltrattati e abusati: la loro unica colpa era essere ‘illegittimi’, orfani, figli di donne sole, povere o di etnia nomade: vittime delle cosiddette “Misure coercitive a scopo assistenziale”, in nome delle quali cittadini svizzeri sono stati internati, sterilizzati, costretti ad abortire, separati dalle famiglie senza processo e senza possibilità di ricorso in giudizio.

Molti bambini sono stati sfruttati come manodopera a basso costo: sono i Verdingkinder, i “bambini-schiavi”: minori con difficoltà cognitive, figli illegittimi, figli di genitori divorziati, o poveri, o Jenisch (gli “zingari bianchi” di origine germanica) prelevati d’autorità e collocati in istituti o fattorie per essere impiegati come forza lavoro.

Non tutte le vittime sono disposte a uscire allo scoperto, per un senso di vergogna che non riescono a superare, così come racconta Devecchi «Per decenni la società ha rimosso questo capitolo oscuro della storia svizzera. Anch’io ho nascosto la mia vita d’internato persino a persone che mi erano vicine, e questo per ben 60 anni. Non riuscivo a parlarne perché avevo interiorizzato un senso di vergogna e di colpa.”

Eppure la storia di Devecchi è una storia di riscatto, anche grazie ad un incontro fortunato. Da ragazzino gli piace studiare e va bene a scuola, un insegnante gli consiglia di frequentare il liceo, ma dice: “Quando lo raccontai al direttore durante la mungitura, per tutta risposta ottenni un ceffone. ‘Siete figli di ubriaconi e di gente non sposata, resterete sempre in basso’, diceva. ‘L’unica cosa che dovreste imparare è rassegnarvi alla miseria’”.

Più tardi però un assistente sociale di Zurigo gli fa ottenere un sussidio per proseguire gli studi e gli fa frequentare un tirocinio come educatore sociale.

Devecchi diventerà un pedagogista di successo, fondatore e direttore di vari istituti per minori in Svizzera tedesca, presidente di Fondazioni attive nella protezione dei minori tra cui INTEGRAS; e, negli ultimi anni, su mandato della Confederazione, è stato anche consulente per i diritti umani per la protezione dei minori collocati in Russia.

Fino agli anni ottanta, dunque, le autorità svizzere hanno applicano questi provvedimenti a decine di migliaia di persone considerate non conformi ai valori dell’integrazione sociale e del successo economico. Ben dopo, quindi, la Convenzione europea per i diritti dell’uomo (1950). Non a caso la Svizzera ratifica la Convenzione nel 1974, con riserva dell’articolo 5 del trattato (riguardante le condizioni per la privazione della libertà) e completamente solo nel 1981.

Di questi drammi si iniziò a parlare nel 2003, quando Louisette Buchard-Molteni, una pioniera del movimento delle vittime, con uno sciopero della fame costrinse il governo a stanziare una piccola somma per una ricerca sul fenomeno dei Verdingkinder.

Solo l’11 aprile 2013 la consigliera federale Simonetta Sommaruga ha presentato le scuse della Confederazione Elvetica: “Per la sofferenza che vi è stata inflitta vi chiedo, a nome del Governo svizzero, sinceramente e dal profondo del cuore, perdono”.

Nel 2014 viene istituita una Commissione peritale indipendente composta da storici, giuristi e psichiatri. La commissione ha terminato i lavori nel 2018. Novemila persone riceveranno venticinque mila franchi. Moltissimi non hanno presentato domanda.

 

 

Immagine di apertura tratta da Commissione peritale indipendente Internamenti amministrativi (CPI)

autore

Paola di Carlo

Paola di Carlo

Architetta e madre di due bambini, per il sito Smallfamilies® scrivo post riguardo viaggi, tempo libero, servizi e iniziative utili.

lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle novità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi