Libri Film Arte Video Notizie dall'Italia e dal mondo

Parole – maneggiare con cura

scritto da Laura Lombardi

Le parole creano legami, suggestioni, colori, paesaggi. Le parole contengono un senso e danno un senso. Le parole traducono il senso dell’esistere. Le parole viaggiano dentro di noi e ci fanno viaggiare. Le parole trasformano. Le parole narrano e creano ascolto.

Le parole per questo meritano rispetto e cura. Meritano di essere utilizzate con cura.

Purtroppo è invece ancora molto diffuso il costume di utilizzare, in modo perlopiù superficiale e non consapevole, parole od espressioni che di fatto oggi suonano anacronistiche, inadeguate, persino volgari.

Mancando di rispetto quindi alle parole stesse – che evidentemente in origine avevano un portato molto diverso – e a chi le ascolta.

Ci sono persone per cui la scelta di un certo linguaggio anacronistico, scorretto, può anche essere il risultato di una scelta consapevole, ma ci sono soprattutto troppe persone che parlano (o scrivono) senza porre la dovuta attenzione al significato proprio e al valore semantico attuale dei termini che stanno utilizzando e alle conseguenze emotive che questi scatenano.

Lo diciamo da anni. Ne abbiamo scritto ovviamente in particolare rispetto alla terminologia che riguarda le famiglie e i ruoli sociali ad essa connessi.

Diciamo ovvero che una maggiore consapevolezza linguistica potrebbe essere un buon punto di partenza per una maggiore consapevolezza culturale e politica.

L’Accademia della Crusca, attenta alla parole, ogni tanto ci dà soddisfazione e ragione.

Alla domanda su come si potrebbe ovviare all’uso dei termini fratellastro/sorellastra e matrigna/patrigno dà una lunga risposta molto articolata in cui viene proposta la storia di queste parole e i vari tentativi – fallimentari – di sostituirle nel momento in cui hanno perso il loro valore originario.

L’Accademia definisce il loro utilizzo oggi come “inaccettabile” e  arriva infine a scrivere che:

“possiamo concludere invitando i nostri lettori a usare fratello e sorella per indicare sia il fratellastro e la sorellastra, sia il figlio e la figlia del partner della propria madre o del proprio padre (anzi, della propria commadre e del proprio compadre), e a considerarli tali. Almeno quando si tratta di persone a cui, come scrive una nostra lettrice, si vuole “un mondo di bene”.

Appunto. Lo diciamo e lo scriviamo da anni.

Attenzione, cura, rispetto. A partire dalle parole.

autore

Laura Lombardi

Scrittrice, con un passato televisivo. Coordinatrice dell’area culturale ed eventi. Madre separata di una figlia, sono curatrice, insieme con Raethia Corsini, del progetto smALLbooks. Per il sito scrivo per la sezione “Magazine” e “Diario d’Autori”. Condivido con Giuseppe Sparnacci il progetto “Riletture in chiave smallfamily”.

Sono nata nel 1962, scrivo e ho un’unica adorata figlia nata nell’anno 2000. Con Susanna Francalanci ho scritto alcuni libri per ragazzi pubblicati dall’editore Vallardi e il giallo Titoli di coda, per Eclissi editrice. Per parecchi anni ho lavorato come autrice televisiva, soprattutto in Rai, soprattutto con la vecchia RaiTre. Prima ancora c’era stato il periodo russo, quello in cui ho frequentato Mosca, l’Unione Sovietica e la lingua russa.Il canto, la ricerca attraverso il suono e la voce, il tai chi, sono gli strumenti privilegiati con cui mi oriento. Amo camminare, soprattutto nel silenzio denso di suoni dei boschi dell’Alta Valmarecchia, dove ho la fortuna di avere una casa che saltuariamente apro per ospitare incontri, corsi e altre iniziative: Croceviapieve. Vivo il progetto Smallfamilies come parte fondamentale del mio percorso evolutivo.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi