OSSERVATORIO Ricerche numeri leggi

Quando la mamma mantiene tutti

Gisella Bassanini

Sempre più mamme capofamiglia. In questo tempo di recessione, che lascia ogni giorno senza lavoro giovani e meno giovani, l’occupazione femminile aumenta. A dar conto della paradossale controtendenza è l’ultimo rapporto Istat: che parla di 117 mila unità in più rispetto al 2008. Il quotidiano la Repubblica, il 10 giugno scorso, ha dedicato all’argomento alcune pagine dal titolo emblematico (a firma di Maria Novella De Luca e di Chiara Saraceno): “La capofamiglia”. Ovvero quando la mamma mantiene tutti. Ebbene, per chi è un genitore single (magari senza alcun aiuto economico da parte dell’altro genitore) il tema non è certo nuovo. Ciò che colpisce è che questo fenomeno stia coinvolgendo sempre più anche le coppie con figli. Sono infatti in aumento anche in Italia le donne che mantengono con il proprio lavoro l’intero nucleo familiare, marito compreso. Le famiglie con due redditi nel nostro Paese erano il 58% nel 2007 e sono diventate il 53,76% nel 2009.

Negli Stati Uniti le famiglie in cui soltanto la donna lavora rappresentavano nel 2012 l’8,5% delle coppie con figli, mentre solo quattro anni prima erano il 5%.

La tendenza è ovunque in aumento per effetto di una recessione che ha prodotto “un’economia da tempo di guerra”, come si annota nell’articolo ricordando quando gli uomini erano al fronte e le donne cercavano di sopravvivere. Perché è un po’ così che ci si sente, e si vive, anche oggi.

Tornano al lavoro retribuito donne che avevano smesso di lavorare per la nascita di un figlio o per curare i genitori anziani, cominciano a lavorare donne che per anni si sono dedicate a tempo pieno alla famiglia, restano a lavorare donne alle quali la pensione è sfuggita per un soffio dalle mani. Tutte hanno in comune l’essere le uniche breadwinner(procacciatrici di cibo): un appellativo che si è quasi sempre visto coniugato al maschile negli anni passati.

Per tornare all’esempio degli Stati Uniti, qui 1 donna su 4 è oggi breadwinner e in gran parte si tratta di donne sole con figli a carico.

Tra le tabelle riportate nell’articolo, una ricorda che in Italia sono circa 2 milioni le famiglie monogenitoriali e che l’84% di queste è costituito da madri sole con figli. Quante di queste donne si fanno carico del mantenimento dell’intero nucleo familiare? Quante si trovano a fronteggiare da sole la crisi perché l’altro genitore è disoccupato o in cassa integrazione? O semplicemente non è più presente? Non lo sappiamo. Per questo servono dati e riflessioni su questo tema: per capire cosa stia succedendo veramente all’interno delle nostre famiglie. E per non lasciarle sole.

autore

Gisella Bassanini

Gisella Bassanini

Presidente Smallfamilies®, architetta e ricercatrice, ho una figlia. Coordinatrice del progetto Smallfamilies®, seguo le aree: relazioni esterne, ricerca, policy e progettazione servizi. Per il sito scrivo su questi temi e per la sezione “Abitare”. Con Flavio Pellegrinuzzi mi occupo anche dei sondaggi online.

lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle novità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi