Archivio sondaggi Sf OSSERVATORIO

Sondaggio vacanze formato small: ecco i risultati

Abbiamo lanciato a marzo 2015 il questionario anonimo “Vacanze in (quale) famiglia” con l’intento di indagare questo tema dal punto di vista delle smallfamilies e di capire soprattutto come ci si organizza e con quali risorse, dove si decide di andare, con chi e per quanto tempo. Ed anche, comprendere se si ricercano (o si auspicano) situazioni più “smallfamilies friendly”: ossia servizi dedicati, sconti 1+, informazioni che possano aiutare le famiglie a geometria variabile nel loro insieme, e i genitori soli e sentirsi meno tali.

Il questionario si conclude con una sezione che ripropone il quesito già presente nella precedente indagine “Di che taglia è la tua small family?” lanciato nel 2013. Riguarda le aree di intervento a sostegno della monogenitorialità che andrebbero ulteriormente sviluppate all’interno del progetto e dell’associazione Smallfamilies: dalla socialità, viaggi e tempo libero alla questione casa, dall’accesso al credito alle consulenze specialiste; dagli interventi a sostegno dell’occupazione ai servizi per la conciliazione famiglia-lavoro, dalla nascita di gruppi di auto-mutuoaiuto alla diffusione di informazioni e opportunità dedicate a questa tipologia familiare.

Abbiamo ricevuto in totale 602 questionari compilati in tutte le parti e analizzato i primi 300 pervenuti entro Settembre 2015 sulla base dei quali qui presentiamo in sintesi i risultati precisando che i questionari pervenuti in seguito (altri 302) hanno confermato i risultati della prima analisi.

Chi ha risposto. Un breve profilo

88% donne

12% uomini

98% nazionalità italiana

2% nazionalità straniera

All’indagine hanno partecipato soprattutto 40enni (57%) e 30enni (21%). Il 35% ha conseguito la laurea o un titolo post-laurea, il 36% ha un diploma di scuola superiore. Per la maggioranza si tratta di impiegate/i (67%), seguono poi chi svolge la libera professione (13%); il 7% si dichiara disoccupata/o. Il 48% vive nel nord-ovest, il 32% nel centro Italia, il 7% al Sud o nelle isole.

I due grafici che seguono mostrano a che tipo di small family si appartiene e da quanto tempo.

sei-genitore-single-perché-

da-quanto-tempo-sei

L’85% convive con tutti i propri figli. Sul totale, il 18% condivide l’abitazione con altre persone, oltre ai figli, spesso si tratta di parenti.

In vacanza con chi e quanto

La percentuale di chi è andato in vacanza con i propri figli almeno una volta negli ultimi 5 anni è del 91%, ciò significa che per il 9% le vacanze estive con i propri figli sono oramai un vero e proprio miraggio.

Ben 1 genitore single su 6 (il 16%,) questa estate non è andato in vacanza per motivi, soprattutto, economici (70%). Tra chi è andato in vacanza, il 93% ha condiviso le proprie ferie con i figli, mentre il restante 7% ha vissuto le vacanze senza di loro.

La vacanza della metà delle smallfamilies non supera le due settimane (52%), solo il 2% ha potuto trascorrere più di un mese.

Il grafico che segue mostra con chi i genitori single hanno condiviso le proprie vacanze, oltre ai propri figli.

conchi

Nella maggior parte dei casi, il 61%, tutte le vacanze sono state trascorse con i figli, il 25% ha passato più della metà delle vacanze in compagnia dei figli, l’11% la metà e solo il 3% meno della metà.

Discorso analogo riguarda i figli, il 40% ha trascorso tutte le vacanze assieme al genitore che ha risposto al questionario, il 25% ha passato un periodo di ferie anche con l’altro genitore e il 9% con i parenti.

Destinazioni

Il mare è indubbiamente il tipo di vacanza preferito, il 65% è stato in spiaggia. Il 82% ha soggiornato in Italia, mentre il 18% si è diretto all’estero. La nuvola di parole che segue mostra quali sono state le destinazioni preferite per l’estate 2015.

destinazioni

Le vacanze delle smallfamilies sono vacanze fai da te. Il 68% si organizza in autonomia con l’aiuto di internet e il 23% si affida al passaparola tra amici e conoscenti. Si preferisce soggiornare in albergo, in case di famiglia o in affitto, come si può notare dal grafico seguente.

in-che-tipo-di-struttura-

Abbiamo poi chiesto di esprimere con tre parole la propria vacanza ideale. Il risultato è la nuvola di parole che segue, nella quale risaltano due concetti forti: divertimento e relax.

Usa tre parole per descrivere la vacanza ideale per te e la tua famiglia

3parole

I costi della vacanza: chi paga?

Il 91% dichiara di essersi fatto completamente carico delle spese relative alle vacanze estive, solo nel 2% dei casi i costi sono stati condivisi equamente con l’altro genitore.

Dall’indagine emerge un forte bisogno di agevolazioni per le famiglie monogenitoriali. Nonostante il 60% dichiari di non aver mai cercato offerte dedicate alle smallfamilies, la maggioranza (65%) afferma che un’attenzione specifica nei confronti di questa tipologia familiare sia importante nel momento in cui si pianificano le vacanze. Il 21% dichiara di non aver mai pensato di cercare strutture che offrano agevolazioni dedicate, e ciò anche quale conseguenza della loro scarsa diffusione, soprattutto nel nostro Paese.

Tra i disagi vissuti in vacanza dai genitori single al primo posto troviamo la mancanza di agevolazioni per smallfamilies (28%) e il bisogno di far fronte a numerose rinunce a causa dello scarso budget a disposizione (24%).

L’interesse verso vacanze formato smallfamilies è alto, ben il 78% sarebbe interessato/a a condividere le proprie vacanze con altri genitori single, anche se solo il 4% lo ha fatto questa estate.

Le tre aree d’intervento prioritario per le smallfamilies

Tra le aree da sviluppare nell’ambito del progetto e dell’associazione Smallfamilies quella dedicata alla “socialità, viaggi e tempo libero” risulta essere la principale con il 41% delle risposte, seguono: “servizi per la famiglia e la conciliazione dei tempi famiglia-lavoro” (23%) e “consulenze specialistiche (legali, psicologiche, benessere, salute, …)” con il 21% delle risposte. Confrontando questi dati con quelli raccolti nel corso della nostra prima indagine del 2013 (“Di che taglia è la tua small family?”) ciò che colpisce è come i tre ambiti d’intervento sui quali operare prioritariamente non siano variati. Ora, come allora, è su questi ambiti che bisogna orientare la nostra attenzione e impegno.

autore

Gisella Bassanini e Flavio Pellegrinuzzi

Gisella Bassanini e Flavio Pellegrinuzzi

Insieme, per Smallfamilies®, ci occupiamo di sondaggi e ricerche sul tema della monogenitorialità.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi