Dati e Analisi sulle famiglie in trasformazione OSSERVATORIO - dati ricerche & policy Policy

Dove sono leggi e welfare? Le domande che tante smallfamilies ci pongono

scritto da Gisella Bassanini

La presenza o assenza di leggi, la classe sociale di appartenenza e il sistema del welfare, l’organizzazione lavorativa e il clima culturale: sostengono o penalizzano la qualità della vita delle smallfamilies.

Senza dover richiamare la statistica e gli studi internazionali (pur importanti) sappiamo che una parte delle famiglie monogenitoriali vivono in condizioni di povertà, non solo percepita ma reale. Sappiamo anche che questo stato di privazione è in continuo aumento. Molte storie lo raccontano, molti dati lo documentano. Al nostro sito sono arrivate in questi mesi numerose e-mail che sono un vero e proprio urlo di dolore. Sono soprattutto madri sole che raccontano dei loro salari bassi, di lavori precari, dell’isolamento in cui vivono, dell’assenza di servizi. Affaticate perché da loro dipende totalmente o quasi la cura e crescita dei figli. Preoccupate perché non sanno come fare né a chi rivolgersi.

Quando esistono adeguate condizioni – materiali e non – anche una madre sola o un padre solo ce la può fare. Lo dimostrano le esperienze di altri Paesi europei e del nord America. Ma tali condizioni in Italia sono pressoché assenti. Facendo accurate ricerche si trovano anche nel nostro Paese interventi promossi dalle amministrazioni locali o dalle Regioni a sostegno dei genitori soli.

Di recente la regione Lombardia ha, per esempio, stanziato nel giro di pochi mesi ben due milioni di euro per sostenere quei genitori con figli minori che, “in fase di separazione oppure già separati legalmente ed effettivamente da non più di tre anni e residenti in Lombardia da almeno cinque anni”, si trovano in una situazione di grave difficoltà economica e sociale a causa della separazione. Molte domande sono arrivate, più del previsto.

Intervento apprezzabile questo, non vi è dubbio, ma che esclude purtroppo molti genitori. E non solo perché la domanda sta superando notevolmente le risorse messe a disposizione (a testimoniare la gravità della situazione) ma anche perché il bando non contempla chi è rimasto vedovo/a, chi ha fatto un figlio senza sposarsi (ex coppie di fatto), chi si è trovato per vari motivi solo/a nel ruolo di genitore. Alcune e-mail che abbiamo ricevuto di recente parlano proprio di questo. Una madre sola, per esempio, ci scrive dalla provincia di Milano e ci chiede perché lei e i suoi figli non possono accedere a questa opportunità fornita dalla Regione Lombardia. Perchè lei, ma soprattutto i suoi figli, sono diversi nei diritti dai figli degli altri genitori, che invece possono beneficiare di questo aiuto?

 

 

autore

Gisella Bassanini

Docente e ricercatrice, ho una figlia, Matilde Sofia. Coordino le attività di  Smallfamilies aps di cui sono fondatrice e presidente.  Seguo in particolare  l’area  welfare e policy, le questioni legate all’abitare e per il nostro Osservatorio mi occupo dello sviluppo  di  progetti di ricerca sulle famiglie monogenitoriali e più in generale sulle “famiglie a geometria variabile”.

Abito a Milano (città che amo) e, dopo la laurea in architettura al Politecnico di Milano,  ho trascorso molti anni  impegnata  in università (dottorato di ricerca, docenza, scrittura di libri) e nella libera professione (sviluppo di processi partecipativi,  piani dei tempi e degli orari della città, approccio di genere nella progettazione architettonica e nella pianificazione urbana). Ora insegno materie artistiche nella scuola pubblica e continuo nella mia attività di studio e ricerca in modo indipendente. La nascita di mia figlia nel 2001 ha trasformato profondamente (e in meglio) la mia vita, nonostante la fatica di crescerla da sola. Da allora, il desiderio di fare qualcosa per-e-con chi si trova a vivere una condizione analoga è diventato ogni giorno più forte. Da questa voglia di fare e di condividere, e dall’incontro con Michele Giulini ed Erika Freschi, è nata Smallfamilies aps, sintesi ideale della mia storia personale e del mio percorso professionale.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi