Abitare CULTURE E SOCIETÀ

Tanti modi di abitare small: quello di Emilio e Giovanni, per esempio

Lilli Bacci
scritto da Lilli Bacci

“Ce la faremo!” disse Emilio a suo padre spuntando dal soppalco una delle prime notti dopo il funerale. Fece anche il gesto col pollice alzato. Aveva 12 anni e una madre meravigliosa che d’ora in poi avrebbe pianto e rimpianto sempre. Giovanni era sconvolto e impaurito ma forte e determinato. Ce l’avrebbero fatta.

La prima cosa che decisero riguardò proprio la casa. Immediatamente. La camera che era stata dei genitori divenne la camera di Emilio, con un letto nuovo che si trasformava in doppio letto per ospitare nonna e amici. La cameretta che era di Emilio divenne invece la camera di Giovanni, con un nuovo letto da una piazza e mezzo. Il loro lettone da sposi fu portato nella stanza al piano di sotto che per un po’ sarebbe stata la camera di Elisa, una delle figlie di Giovanni che aveva deciso di vivere qualche tempo con loro.

Sono passati tre anni. Adesso Emilio e Giovanni abitano da soli, la stanza del piano di sotto è sempre a disposizione di ospiti amici che non mancano mai.

Ce l’hanno fatta, ce la fanno ogni giorno. Sono bravi e organizzati, pieni di amici e di voglia di stare insieme, con fatica e amore.

La loro casa è il segno di tutto questo, e noi vi vogliamo accompagnare al suo interno, come a confermare che: «quel che influisce in maniera più profonda e permanente su una persona e sul suo modo di vivere è la casa in cui abita. La casa determina giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto, la qualità, il colore, l’atmosfera, il ritmo della sua vita, è la cornice di ciò che una persona fa, di ciò che può fare e dei suoi rapporti con gli altri[1]

 

Iniziamo dalle piccole regole quotidiane

IMG_4394

 

…e dai piccoli gesti quotidiani

IMG_4359 IMG_4370 IMG_4361IMG_4399

 

 

 

Le stanze: quella di E.

IMG_4380 IMG_4386 IMG_4391

IMG_4388IMG_4393

 

 


 


..e quella di G.

IMG_4381 IMG_4383 IMG_4385

IMG_4384

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[1] Leonard Woolf, a proposito di Monk’s House, la casa nel Sussex che ha diviso con sua moglie Virginia.

 

Immagini di Lilli Bacci
Immagine di apertura tratta dal sito Abitare insieme

autore

Lilli Bacci

Lilli Bacci

Lilli Bacci dopo un passato come socioeducatrice, mi sono laureata in Antropologia Sociale con una ricerca sugli spazi abitati, che sono da sempre centro del mio lavoro e del mio interesse. Libera professionista, lavoro da anni come art director e stylist per servizi fotografici, stand, negozi e allestisco mostre ed eventi, portando attenzione e uno sguardo antropologico sull’interno del mondo della “casa”. Collaboro come giornalista freelance con alcune riviste di arredamento e lifestyle. Per il sito Smallfamilies® scrivo intorno all’abitare nelle famiglie a geometria variabile.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi