Diritti e Doveri ESPERTI - consigli & convenzioni

A proposito del disegno di legge numero 49 della Regione Lombardia

Maria Garofalo
scritto da Maria Garofalo

Il parere della nostra Avvocata Maria Garofalo sul disegno di legge n°49 approvato dalla Regione Lombardia a sostegno dei genitori separati.

Il disegno di legge regionale approvato dalla Regione Lombardia lo scorso 19 giugno riconosce ai genitori con figli minori a carico interventi agevolati, punteggi maggiori nelle graduatorie per avere alloggi pubblici; forme di locazione agevolate, oltre interventi di concessione temporanea di contributi e di misure di credito […]finalizzati a supportare i genitori nella definizione del loro ruolo, tanto nella fase della separazione, quanto nella fase successiva e sostenerli economicamente, garantendo così i diritti del minore ad una crescita serena.

Il disegno di legge è diretto a coloro che risiedono da almeno cinque anni in Lombardia; siano separati da non più di tre anni e abbiano un reddito Isee non superiore a 12mila euro. Il provvedimento prevede anche che la Giunta presenti annualmente una relazione al Consiglio regionale.

Questo provvedimento esclude le coppie separate non coniugate e i loro figli nonostante queste aumentino esponenzialmente ogni anno (ancor più delle separazioni e divorzi).

Un intervento legislativo così concepito rimanda ad una concezione arcaica della famiglia, che poco ha a che fare con la geografia sociale e familiare moderna.

A nulla sembrano essere servite le spinte innovative che hanno costretto, con enorme ritardo, il legislatore nazionale a promulgare la Legge n. 219 del dicembre 2012 , equiparando figli naturali e legittimi e ponendo così fine ad una disparità anacronistica. Proprio in base ad una legge dello Stato, il matrimonio per la prima volta è diventato automaticamente non più necessario per l’instaurazione di un rapporto familiare, in conformità all’art. 30 della Costituzione (“È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.“) e agli articoli 8 e 14 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo che vietano le discriminazioni in base alla nascita e la distinzione fra famiglia legittima e illegittima. Ora, il disegno di legge regionale pone in dubbio gli stessi principi ispiratori di una legge dello Stato, cancellando sic et simpliciter i diritti di quei minori che non hanno genitori coniugati.

In Regione hanno più volte precisato che lo scopo del disegno di legge è tutelare la famiglia, così come riconosciuta dalla Costituzione, e venire incontro a quei genitori che in seguito alla separazione siano a rischio povertà in un momento di particolare fragilità. Quindi sostegno ai genitori e non ai figli.

Ci chiediamo, quale famiglia e quali genitori? Quelli che stanno ponendo fine al loro rapporto?

La Costituzione, all’art. 3 dispone che Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana” .

È davvero un paradosso: questo disegno di legge ha come obiettivo la tutela di una famiglia che con la separazione si sta disgregando e viola la dignità di tutti quei genitori single che, al pari dei separati, versano in condizioni di fragilità e sono a rischio povertà.

Auspichiamo che il Consiglio Regionale possa, a breve, rimuovere tutti quegli ostacoli che impediscono ad alcuni genitori di essere uguali agli altri, mediante un intervento migliorativo, atto a includere tra i beneficiari tutti i genitori anche i non coniugati.

autore

Maria Garofalo

Maria Garofalo

Avvocata del Foro di Milano e madre di un giovane uomo, mi occupo da tempo di diritto di famiglia e di minori. Ho seguito un corso di psicologia, che si è rilevato un ottimo strumento per sondare quel vissuto di maltrattamenti e violenze di solito taciuti dai soggetti più deboli. Faccio parte della rete dei servizi convenzionati con l’associazione Smallfamilies®.Già autrice del racconto “Un Natale particolare” per l’antologia smALLchristmas, per questo sito scrivo su questioni relative al diritto di famiglia.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi