OSSERVATORIO - dati ricerche & policy Progetto Oltre la pandemia

Le famiglie monogenitoriali in Italia e a Milano

scritto da Alessandra Vollaro

Le famiglie monogenitoriali in Italia e a Milano: una fotografia all’anno 2020/21 è quella che presentiamo qui. E partiamo subito dall’immagine dello stivale qui sotto dove viene rappresentata, regione per regione, la distribuzione delle famiglie italiane e di quelle  monogenitoriali mettendo a confronto i dati Istat 2019 con quelli relativi al 2021.

L’ultima rilevazione  segnala un aumento delle  famiglie monogenitoriali in  Lombardia e Veneto, mentre sono diminuite nel Lazio. Nel resto  delle regioni  invece non si segnalano variazioni percentuali.

 

 

Nel complesso, se confrontiamo i due anni di riferimento, si può notare come le famiglie monogenitoriali aumentino di poco (+ 0,3%). Riteniamo tuttavia corretto ricordare come la  pandemia abbia  visto, negli anni 2020 e 2021,  una significativa diminuzione delle  separazioni e dei divorzi – così come dei matrimoni – come documentato in questo post.

Dal 2019 al 2021 si rileva inoltre una lieve diminuzione delle famiglie monogenitoriali nelle aree centrali metropolitane e nei centri da 2 a 10 mila abitanti, mentre in crescita sono le percentuali relative ai centri da  10 a 50 mila abitanti.

Se paragoniamo gli ultimi dati disponibili, e relativi alle famiglie monogenitoriali residenti a Milano nel 2020,  con quelli del 2011,  presentati  in questo  post dell’aprile del 2013,  si può notare come vi sia stato un aumento del numero di famiglie monogenitoriali:  da 72.600 nel 2011 a 78.400 nel 2020 (+ 1,1%). In percentuale ad aumentare sono soprattutto le famiglie monogenitoriali con figli maggiorenni (nel 2011:  41.293, nel 2020: 46.025), mentre le smallfamilies  con almeno un figlio minorenne passano da  31.308  nel 2011 a 32.375 nel 2020.

Rispetto alla distribuzione nei nove Municipi, la presenza di famiglie monogenitoriali rimane nell’arco temporale considerato  pressoché stabile nei Municipi 1/5/7/8/9,  in leggero aumento nei Municipi 3/6, in diminuzione nei Municipi 2/4.

Nella tabella qui riportata è possibile conoscere più nel dettaglio la distribuzione all’interno dei singoli Municipi.

Una nota a margine per concludere

Nel dicembre 2016, è stato pubblicato un report dal titolo “Forme di famiglia attraverso la statistica ufficiale:  25 anni di cambiamento a Milano”, curato da  Roberta Rossi, Unità Statistica – Comune di Milano. Un documento molto interessante e utile che inizia con questa significativa  affermazione

Uno stereotipo duro da morire è che la famiglia italiana ,e quindi milanese, sia quella costituita da una coppia sposata, un paio di figli e un certo numero di parenti a disposizione che ruotano intorno e che, sopperendo alla necessità pratiche dei più giovani, facilitano le tappe di transizione alla vita adulta. I dati in nostro possesso raccontano però una realtà piuttosto diversa, sicuramente molto sfaccettata. È cambiato il modo di “ fare famiglia” in questa città? Se sì, quali sono stati i percorsi del mutamento? (…)”.

Il report metteva in evidenza una serie di dati statistici (Censimento 2001 e 2011 e dati comunali 2015) che già allora raccontavano delle diverse geometrie famigliari che caratterizzavano il tessuto sociale cittadino. “Famiglie fluide” – come vengono chiamate nell’indagine – numericamente in aumento ma sempre più piccole nella loro dimensione perché sempre meno persone vivono sotto lo stesso tetto. Un pulviscolo familiare dunque, quello che caratterizzava e caratterizza oggi il tessuto sociale milanese – così come quello italiano – e che vede il costante aumento dei nuclei  unipersonali e monogenitoriali. Si concludeva con l’invito ad indagare meglio “quali sono le risorse, di tempo, di sostegno, materiali, per le forme di famiglia numericamente rilevanti che apparentemente possono costituire sacche di fragilità: pensiamo per esempio ai genitori soli, con una occupazione fuori casa e magari più di un figlio”.

È questo  un invito che facciamo nostro e che rilanciamo. Con la speranza che il Comune di Milano voglia aggiornare questa indagine, offrendo così un quadro conoscitivo importante al fine di  comprendere più a fondo le necessità, i bisogni, le risorse delle famiglie milanesi, monogenitoriali e non.

_______

 

Foto di apertura di benfuenfundachtzig da Pixabay

autore

Alessandra Vollaro

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi