Diritti e Doveri ESPERTI - consigli & convenzioni

Quando un genitore non paga il mantenimento: le tutele del codice penale

Maria Garofalo
scritto da Maria Garofalo

Cosa fare se un genitore non assolve al pagamento del contributo di mantenimento? Ecco la risposta dell’avvocato Maria Garofalo.

Come anticipato nei precedenti post, in caso di mancata corresponsione del contributo di mantenimento, il genitore -creditore, oltre alla tutela civile, può ricorrere a quella garantita dal codice penale.

La mancata corresponsione dei mezzi di sussistenza ai figli minori oppure a quelli maggiorenni inabili al lavoro integra, infatti, il reato di cui all’art. 570, comma secondo del codice penale.

L’obbligo penalmente sanzionato di prestare i mezzi di sussistenza ha un contenuto soggettivamente e oggettivamente più ristretto di quello delle obbligazioni previste dalla legge civile. Il genitore separato e non collocatario è obbligato, ai sensi dell’art.155 quinquies del codice civile, a concorrere al mantenimento del figlio anche dopo il raggiungimento della maggiore età; obbligo che perdura finché il genitore interessato non dia prova che il figlio abbia raggiunto l’indipendenza economica.

Per i figli maggiorenni, portatori di handicap grave, il secondo comma del citato art. 155 prevede l’applicazione delle disposizioni stabilite in favore dei figli minori. Posto che la lettera della norma fornisce la “cornice” per l’interpretazione del precetto penale e all’interno di essa va ricercato il significato della disposizione, ne discende che la “inabilità al lavoro” dei figli maggiorenni è condizione imprescindibile per la configurabilità del reato che citavamo sopra. Ricordiamo che per “inabile al lavoro” si intende una persona che abbia una totale e permanente inabilità lavorativa. Mentre il figlio cui sia riscontrata un’invalidità che comporti una riduzione permanente della capacità lavorativa inferiore o pari al 74% non può essere annoverata tra gli “inabili”. In tal caso la violazione dell’obbligo di corrispondere al figlio maggiorenne un eventuale assegno di mantenimento integra un illecito civile.

autore

Maria Garofalo

Maria Garofalo

Avvocata del Foro di Milano e madre di un giovane uomo, mi occupo da tempo di diritto di famiglia e di minori. Ho seguito un corso di psicologia, che si è rilevato un ottimo strumento per sondare quel vissuto di maltrattamenti e violenze di solito taciuti dai soggetti più deboli. Faccio parte della rete dei servizi convenzionati con l’associazione Smallfamilies®.Già autrice del racconto “Un Natale particolare” per l’antologia smALLchristmas, per questo sito scrivo su questioni relative al diritto di famiglia.

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi