Dati e Analisi sulle famiglie in trasformazione OSSERVATORIO - dati ricerche & policy

Un po’ di numeri

Smallfamilies
scritto da Smallfamilies

Partiamo da Milano, la città dove nasce il nostro progetto. Nel 2010 i nuclei familiari residenti sono 702.128 di questi 71.316 (cioè oltre il 10%) sono monogenitori con figli.

Le abbiamo chiamate smallfamilies ma il fenomeno, appare evidente, è tutt’altro che “small”: se facciamo un paragone con altre tipologie familiari, scopriamo ad esempio che le coppie conviventi (sposate o meno) senza figli rappresentano il 16% del totale dei nuclei familiari in città, mentre quelle con figli arrivano al 21%.

Il genitore solo (madre, in oltre l’80% dei casi) convive con almeno un figlio minorenne nel 42% dei nuclei monogenitoriali, mentre nel restante 58% i figli sono maggiorenni – siamo sempre a Milano nel 2010.
Nel 2011 i numeri crescono ulteriormente: i monogenitori con figli sono diventati 72.217: +901 nuclei familiari rispetto all’anno precedente, a segnalare un cambiamento nelle strutture familiari che sta facendo emergere percorsi di vita e bisogni (di servizi, di welfare, ecc.) sempre più differenziati. Ma anche una struttura sociale in cui il rischio di solitudini e isolamento è alto.
Milano, in particolare, mostra sempre più il suo carattere di città formato “mono”: alle famiglie monogenitoriali come le abbiamo descritte si aggiungono infatti anche quelle monocomponente (le/i single), che costituiscono addirittura, nel 2011, il 51% dei nuclei familiari residenti in città.
Se spostiamo lo sguardo sulla Lombardia, nel 2010 i monogenitori con figli minorenni risultano essere il 3,7% dei nuclei familiari residenti e nell’82% dei casi il genitore convivente è la madre.
E in Italia, su un campione di 100 famiglie, il 12,7% è rappresentato da famiglie monogenitoriali. L’87,6% di queste ha una donna come capofamiglia.
Il confronto dei dati europei ed internazionali è reso più difficile dal fatto che vi sono differenze nella definizione della famiglia monoparentale tra i diversi paesi.
Secondo uno studio condotto dall’Università di Rennes 2 nel 1999 le famiglie monoparentali in Europa erano il 23% in Gran Bretagna, il 19% in Danimarca, Belgio e Finlandia, il 18% in Francia, meno del 10% in Italia e Portogallo. I dati aggiornati a luglio 2010 attestano che nei pesi dell’Europa del Sud hanno superato l’11%. Negli Stati uniti la percentuale di donne con bambini minori che non vivono col coniuge sono passati dal 10% del 1940 al 24% nel 2000.
Da una ricerca condotta all’interno del programma EU Lifelong Learning Program Leonardo da Vinci Transfer of Innovation nel 2010 risulta che le famiglie monogenitoriali sono:

  • 1 su 4 in Italia e Regno Unito;

  • 1 su 6 in Polonia;

  • quasi 1 su 5 in Germania;

  • 1 su 5 in Francia.

La percentuale di genitori single costituita da madri sole risulta anche da questo studio molto elevata – Italia: 90% – Polonia: 90% – Germania: 89,9% – Francia: 84,5% – Regno unito: 90% (Irlanda del nord: 93%).
Infine, secondo la European Platform against Poverty and Social Exclusion (Piattaforma Europea contro la Povertà e l’Esclusione Sociale), che coordina iniziative a tutela dei gruppi a rischio di povertà, tra cui le famiglie monogenitoriali, in Europa in media 1 famiglia monoparentale su 3 è a rischio povertà.

Fonti
Banca dati statistica del Comune di Milano
Elaborazione Éupolis Lombardia su dati Istat-EuSilc 2010
Università di Rennes 2, 1999
Progetto “Supermom Kick-Off 2010” – EU Lifelong Learning Program Leonardo da Vinci Transfer of Innovation
European Platform against Poverty and Social Exclusio

autore

Smallfamilies

Smallfamilies

"La redazione" del gruppo Smallfamilies aps

lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi