Corpo Spirito Mente ESPERTI Libri per bambini e ragazzi

smALLraga, strumento didattico

Marcella Grassi
scritto da Marcella Grassi

Il quarto libro della collana smALLbooks intitolato smALLraga, che racchiude oltre venti storie vissute dai figli di famiglie a geometria variabile, ha rappresentato per me uno strumento prezioso nella progettazione e nello svolgimento dei “Gruppi di Parola” che ho condotto insieme a una collega con ragazzi adolescenti. Gruppi finalizzati, in questo caso, ad affrontare il tema della separazione dei propri genitori.

Perché smALLraga è uno strumento utile

Quando mi è stato chiesto: perché un libro di questo tipo può essere considerato un dispositivo utile allo svolgimento di un percorso simile? E perché lo consideri socialmente rilevante? Ritengo innovativo, e affatto scontato, leggere esperienze stando seduta dalla parte dei figli, scritte con un linguaggio autentico, spontaneo, emotivamente denso e al tempo stesso leggero, capace di essere accolto e compreso da altri ragazzi, con altre storie più o meno difficili.

L’utilizzo di una lettura all’inizio di ogni incontro ha permesso, ai ragazzi che hanno partecipato, di
riconoscersi in alcune difficoltà comuni, di sorridere e di sentirsi “comodi” dentro uno spazio nel quale, a distanza di una settimana, per un mese, si sono ritrovati.

A me, come conduttrice dei Gruppi di parola, smALLraga ha permesso di ispirarmi scegliendo alcuni spaccati diventati poi oggetto di riflessione collettiva, e di stimoli portati nella fase centrale di questi incontri, cioè quella laboratoriale. Sul tema della casa ad esempio, di cosa significa per un
ragazzo abitare in due case, il racconto di una nonna e della domotica ha rappresentato il filo rosso da cui siamo partiti.
Terminare gli incontri con una storia, che esprimeva fatiche e risorse di coetanei come loro è stato benefico perché in grado di comunicare, in semplicità, parole vere. E quando ci troviamo dinnanzi a qualcosa che profuma di vero, è impossibile non venirne toccati. A qualsiasi età.

Ecco perché amo definire smALLraga trasformativo nell’approccio adottato, ossia un dispositivo utile declinato nel mio caso in strumento didattico per lavorare dentro un Gruppo di Parola, e preziosa opportunità in grado di fotografare un pezzo di società che esiste, rappresentata per una volta con gli occhi dei ragazzi e non degli adulti.

Oggi più che mai credo che la direzione da seguire, per costruire assetti nuovi, sia quella di ascoltare i loro pensieri, le esperienze vissute sulla loro pelle, solo così sapremo individuare insieme nuove strade e soluzioni su temi che li riguardano e li vedono coinvolti.

 

autore

Marcella Grassi

Marcella Grassi

Marcella Grassi, Counsellor Professionista da diversi anni e Mediatrice Familiare, trascorro le mie giornate tra progetti di formazione in un‘azienda di Telecomunicazioni e il Centro Famiglie di Reggio Emilia, una realtà legata al Servizio di programmazione del sistema di Welfare della città. Appassionata di cinema, tv, teatro, e di modelli che intercettino i bisogni delle Persone con politiche capaci di rispondere alle trasformazioni della società in cui viviamo.   Ancora figlia, talvolta mamma, di una ironica signora di 80 anni, ecco la mia famiglia “a geometria variabile” oggi.

lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle novità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi